ALBERTO SORDI

~ Roma e il cinema ~

  CIAO ALBERTO  

pagina 6



La notte del 24 febbraio 2003 il cuore di Alberto si fermava, e con esso si fermava per un po' anche il grande cuore della sua cittÓ. PerchÚ Alberto era Roma, e Roma era Alberto.
In quella circostanza i suoi concittadini, tutti suoi fans, senza eccezioni, che hanno sempre visto in lui non un divo ma un vecchio amico, gli hanno tributato pi¨ onori (sinceri) di quanti ne abbia mai potuti vantare qualsiasi altro attore al mondo.
25 febbraio, piazza del Campidoglio:
Roma porge l'ultimo omaggio ad Alberto
Ai funerali, celebrati nella chiesa cattedrale di Roma, San Giovanni in Laterano, a pochissima distanza dalla sua abitazione alle falde del Celio, erano presenti le cariche pubbliche pi¨ importanti, dal sindaco al ministro dei Beni Culturali, fino al presidente della Repubblica. E poi ancora gente, gente, tantissima gente da ogni parte di Roma.
Erano centinaia di migliaia, com'era giusto che fosse per un vero re, l'ottavo re di Roma.

27 febbraio, piazza San Giovanni in Laterano gremita per i funerali di Albertone
a sinistra e in alto gli ultimi omaggi resi ad Alberto
Ma pensare ad Alberto con malinconia significherebbe fargli un torto. Come avrebbe concepito questo momento ce lo ha raccontato egli stesso nell'episodio de I nuovi mostri: il funerale del comico Formichella, che le battute celebri del defunto trasformavano da cerimonia triste in momento goliardico, riportando il buonumore fra i presenti.

E cosý, Albe', anche tu adesso ci consoli dagli schermi dove ti abbiamo sempre visto, dove abbiamo imparato a conoscerti, da dove continuerai ad entrare nelle nostre case per regalarci momenti di allegria. PerchÚ se Ŕ vero che un bravo attore ha il dono dell'immortalitÓ, tu sei maestro nel compiere anche un'altra magýa: far sorridere la gente.

Riflettendo sui versi profetici che tu stesso hai cantato, noi ti diciamo ancora grazie di essere stato per noi romani, un po' randagi nei sentimenti collettivi, un bellissimo mito attorno al quale ritrovarci uniti.


E VÀ...  E VÀ...   (1981)

Autori: C.Mattone - F.Migliacci
Interprete: A.Sordi
Me sar˛ chiesto cento, mille volte,
io che nun so' nÚ re nÚ imperatore,
che ho fatto pe' trovamme 'sta regina
ner letto, fra le braccia, in fonno ar core?
E datosi che sei cosý preziosa
stasera io te vojo dý 'na cosa.

Te ciÓnno mai mannato a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta...
Er primo cittadino Ŕ amico mio,
tu dije che te ci˛ mannato io.
E va'... e va'...
va' avanti tu che adesso ci˛ da fa'.
Sarai la mia metÓ, ma si nun parti
diventi n'antro po' la mia tre quarti.
E va'... e va'...
nun poi sapÚ er piacere che me fa.
Magari quarche amico te consola,
cosý tu fai la scarpa e lui te s˛la
io te ce manno
s˛la
io te ce manno
s˛la
s˛la senza de me.


GiÓ che ce so' me levo st'artro peso
co' te, che fai er capoccia e stai pi¨ s¨,
te sei allargato troppo... senti... a coso,
mica t'offenni se te do der tu?

Te ciÓnno mai mannato a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta...
A te te danno la medaja d'oro,
e noi te ce mannÓmo tutti in coro.
E va'... e va'...
chi va co' la corente Ŕ baccalÓ.
Io so' salmone e nun me 'mporta gnente,
a me me piace anda' contro corente...
E va'... e va'...
che pi¨ sei grosso e pi¨ ce devi annÓ
e t'aritroverai ner posto giusto
e prima o poi, vedrai, ce provi gusto...
solo scherzando
huuu!... sto
solo cantando
huuu!...sto
solo a scherzÓ, pardon!
(sottovoce, ridacchiando)  Pardon, pardon... 'n par de....

Ma quanno la mattina sto allo specchio
c'Ŕ un fatto che me butta gi¨ er morale
io m'aritrovo sempre ar gabbinetto
e m'aricanto addosso 'sto finale...

Te ciÓnno mai mannato a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta...
Cosý che me 'ncoraggio e me consolo
cor fatto de mannÓmmece da solo.
E va'... e va'...
che si ce devi annÓ, ce devi annÓ.
Tanto si t'annisconni dietro a 'n vetro
'na mano ciai davanti e n'antra dietro.
E va'... e va'...
Ŕ inutile che stamo a litigÓ,
tenemese abbracciati stretti stretti
che tanto prima o poi ciannÓmo tutti
a quer paese...
tutti
a quer paese...
tutti
a quer paese...
tutti
  [voce fuori campo]Ah˛, ma tu che fai, nun venghi?
  Chi Ŕ, ah˛?... E come, 'n vengo? Pe' forza!...
a quer paese...
tutti
a quer paese...
tutti
a quer paese lÓ.




NOTA - nel sito SPQR ROMA Ŕ possibile scaricare il file audio della canzone  E VÀ... E VÀ...  in formato MP3



torna all'INDICE GENERALE

LA LINGUA E LA POESIA

PRIMA PAGINA

FILMOGRAFIA

LOCANDINE - italiane

LOCANDINE - in altre lingue

GLI 80 ANNI DI ALBERTO

LA GALLERIA SORDI